Adeguata idoneità tecnica ed organizzativa (art. 18 commi 5,6,7)

4.1 DIREZIONE TECNICA (Art. 26, commi 1, 2 e 3)

La direzione tecnica è l’organo cui competono gli adempimenti di carattere tecnico-organizzativo necessari per la realizzazione dei lavori.

La direzione tecnica può essere assunta da un singolo soggetto, eventualmente coincidente con il legale rappresentante dell’impresa, o da più soggetti.

Se il Direttore Tecnico è persona diversa dal titolare dell’impresa, dal legale rappresentante, dall’amministratore e dal socio, deve essere dipendente dell’impresa stessa o in possesso di contratto d’opera professionale regolarmente registrato.

I soggetti designati nell’incarico di Direttore Tecnico non possono rivestire analogo incarico per conto di altre imprese qualificate; essi producono una dichiarazione di unicità di incarico.

4.1.1Per iscrizioni con classifica pari o inferiore alla IV classifica (Art. 26, comma 2)

Il Direttore Tecnico deve possedere uno dei seguenti requisiti:

  • Laurea in Ingegneria, Architettura o altro equipollente titolo di studio previsto nei paesi dell’Unione Europea;

  • Diploma universitario in ingegneria o architettura o equipollente titolo di studio previsto nei paesi dell’Unione Europea;

  • Diploma di geometra o di perito tecnico industriale; (Determinazione N. 6/2001)

  • Esperienza acquisita nel settore delle costruzioni quale direttore di cantiere per un periodo non inferiore a cinque anni, anche non consecutivi, da comprovare con idonei certificati di esecuzione dei lavori attestanti tale condizione;

  • I soggetti che alla data di entrata in vigore del Regolamento (01.03.2000) svolgevano la funzione di Direttore Tecnico, possono conservare tale incarico solo presso la stessa impresa, anche se non in possesso di idoneo titolo di studio.

4.1.2Per iscrizioni con classifica di importo superiore alla IV classifica (Art. 26, comma 2)

Il Direttore Tecnico deve possedere uno dei seguenti requisiti:

  • Laurea in Ingegneria, Architettura o altro equipollente titolo di studio previsto nei paesi dell’Unione Europea;

  • Diploma universitario in ingegneria o architettura o equipollente titolo di studio previsto nei paesi dell’Unione Europea;

  • Diploma di geometra o di perito tecnico industriale; (Determinazione N. 6/2001);

  • I soggetti che alla data di entrata in vigore del Regolamento (01.03.2000) svolgevano la funzione di Direttore Tecnico, possono conservare tale incarico solo presso la stessa impresa, anche se non in possesso di idoneo titolo di studio.

Qualora l’impresa abbia più di un direttore tecnico tale ruolo può essere ricoperto anche da laureati in geologia o in altre discipline equipollenti. (Determinazione N. 6/2001)

4.1.3Per iscrizioni nelle categorie OG 2 – OS 25 (Art. 26, comma 3)

Per iscrizioni pari o inferiore alla IV classifica il Direttore Tecnico deve possedere uno dei seguenti requisiti:

  • Laurea in Architettura o in Conservazione Beni Culturali;

  • Esperienza professionale acquisita nei suddetti lavori come direttore di cantiere per un periodo non inferiore a 5 anni, anche non consecutivi, da comprovare con idonei certificati di esecuzione.

Per iscrizioni superiori alla IV classifica il Direttore Tecnico deve essere in possesso della laurea in Architettura o in Conservazione di Beni Culturali.

In entrambi i casi i soggetti che alla data di entrata in vigore del Regolamento (01.03.2000) svolgevano la funzione di Direttore Tecnico, possono conservare tale incarico solo presso la stessa impresa, anche se non in possesso di idoneo titolo di studio.